Diritto di recesso

D.Lgs 15-01-1992, n°50 Attuazione della direttiva n° 85/577/CEE in materia di contratti negoziati fuori dai locali commerciali

* Il cliente che abbia acquistato presso SoloAllarmi.it prodotti per esclusivo uso personale, può recedere l'acquisto stesso entro 14 gg. dalla consegna della merce.

* Per poter recedere dall'acquisto i prodotti devono essere ancora perfettamente integri e nell'imballo originale.

* Il cliente che intende recedere dall'acquisto dovrà comunicarlo tramite Raccomandata A/R anticipandola tramite mail, succesivamente riceverà un modulo di reso merce tramite mail, questo dovrà essere compilato in ogni sua parte ed allegato al pacco.

* Il tutto dovrà essere spedito (solo ed esclusivamente con spedizioni tracciabili, ovvero con possibilità di documentare la consegna) presso: Roboto Srls Unipersonale ( richiedere sempre indirizzo di spedizione che può variare in base al prodotto da rendere utilizzando il modello RMA)
( La nostra sede legale è Via di Tor Vergata 257 - 00133 Roma )

* Le eventuali spese di spedizione per la restituzione del materiale sono a carico dell'acquirente.

* SoloAllarmi.it si riserva il diritto di visionare l'integrità del materiale reso prima di evadere il rimborso.

* Il rimborso comprende solo il costo del materiale, non sono inclusi costi di spedizioni, costi accessori quali imballaggio, contrassegno, assicurazione.

* Il rimborso sarà eseguito SOLO tramite Bonifico Bancario o PayPal, salvo diversi accordi.

MAGGIORI DELUCIDAZIONI:

A chi si applica:
Il diritto di recesso non copre ogni acquirente. La prima limitazione è la sua applicazione soltanto ai consumatori. Nonostante i tentativi passati di interpretare in modo allargato tale termine, è ormai assodato che con tale termine si possa individuare soltanto la persona fisica che agisce al di fuori della propria attività professionale. Il Codice Civile, infatti, lo designa in questo modo: “il consumatore è la persona fisica che agisce per scopi estranei all’attività imprenditoriale o professionale eventualmente svolta” (art. 1469 bis). In sostanza, aziende e professionisti con partita Iva non possono far valere il diritto di recesso per acquisti effettuati in tale veste.

Quando si applica:
Inoltre, un’ulteriore limitazione è da registrare in merito alle occasioni di vendita della sua applicazione. Infatti, tale possibilità è data soltanto per gli acquisti effettuati a distanza (tra cui rientrano i casi di e-commerce) e per quelli stipulati fuori dai locali commerciali. In questi casi, il legislatore ha ritenuto di individuare delle condizioni di debolezza del consumatore all’atto della conclusione dell’acquisto, e pertanto ha ritenuto di garantirlo concedendogli tale diritto. Pertanto, è opportuno valutare con attenzione il momento conclusivo dell’acquisto. Infatti, una compravendita online può anche limitarsi all’ordinazione, con il vero e proprio acquisto rimandato a un punto-vendita fisico, dove ritirare immediatamente il bene. In questi casi, l’acquisto è concluso in un negozio, e quindi salta la possibilità di far valere il diritto di recesso.

Le esclusioni:
Il diritto di recesso per le compravendite concluse a distanza non può essere applicato in questi casi: a); per la fornitura di servizi la cui esecuzione sia iniziata, con l’accordo del consumatore, prima della scadenza del termine di sette giorni. b); per la fornitura di beni o servizi, il cui prezzo è legato a fluttuazioni dei tassi del mercato finanziario che il fornitore non è in grado di controllare. c); per la fornitura di beni confezionati su misura o chiaramente personalizzati o che, per loro natura, non possono essere rispediti o rischiano di deteriorarsi o alterarsi rapidamente. d); per la fornitura di prodotti audiovisivi o di software informatici sigillati, aperti dal consumatore. e); per la fornitura di giornali, periodici e riviste. f); per i servizi di scommesse e lotterie.

Ogni contenuto di queste pagine è coperto dal "diritto d'autore". Ogni utilizzo che non sia autorizzato da Roboto Srls Unipersonal , ogni plagio, ogni copia o utilizzo anche parziale dei testi e delle immagini presenti rende colpevole chi lo commette di plagio (azione di chi si appropria di un'opera altrui usurpandone la paternità) e contraffazione (sfruttamento economico dell'opera che avviene senza il consenso e l'autorizzazione dell'autore). il plagio è un vero e proprio reato e chi si rende colpevole di plagio o contraffazione intercorre in sanzioni civili e penali a difesa della paternità (art. 168 e segg. LDA).